venerdì 29 agosto 2014

La cura del sorriso come benessere psicofisico!!! I denti sono il nostro biglietto da visita.................

Il sorriso manifesta uno stato di benessere psicofisico. Noi sorridiamo per svariati motivi, il denominatore comune è riassunto in 
"stato percettivo di felicità, euforia e ilarità".

Cos'è il sorriso? 

La risata riso è una reazione di carattere nervoso che si manifesta, nel comportamento umano, in più contesti. In genere, si tratta di una risposta emotiva di fronte ad un’esperienza comica, o a sensazioni intense di allegria, piacere, benessere, ottimismo. Tuttavia, la risata può anche avere il ruolo di sfogo di emozioni di segno opposto, come la tristezza e la rabbia (in tal caso, nel linguaggio comune, si parla di risata nervosa). Ci sono anche cause fisiche che possono stimolare la risata a prescindere da qualunque contesto emotivo: per esempio il solletico.

Il fenomeno della risata si presenta come una modificazione del ritmo respiratorio, sospensione dell'aspirazione, scosse che si ripercuotono nella laringe, contrazioni concatenate di molti muscoli (in particolare facciali e addominali), scopertura dei denti, e talvolta lacrimazione.

Il riso è una manifestazione tipicamente umana, che fin dall'antichità ha sollevato interrogativi concettuali di natura filosofica, psicologica,fisiologica e comportamentale.

Certo che mantenere un bel sorriso non è sempre facile.
La domanda che sorge spontanea è: perché?  
Semplice, il motivo principale si nasconde dietro uno stato di malessere psicofisico. La nostra dentatura tende a peggiorare con il passare del tempo.  Sostanzialmente le cause possono essere rappresentate dal degrado naturale derivante dall’invecchiamento, e dalle contaminazioni esterne come per esempio cibo, fumo etc..

La naturale conseguenza è che le persone sorridono sempre meno, per nascondere una sensazione di malessere, vergognandosi di un problema che pensano di non riuscire a risolvere e/o di non poter risolvere.

Ci siamo posti il problema cercando di immedesimarci. Abbiamo voluto cercare delle alternative più comode, semplici, meno invasive e meno costose.

Oggi finalmente abbiamo la conferma che, lo sforzo effettuato nella ricerca di soluzioni affidabili, ha portato i sui frutti. Siamo riusciti a trovare una soluzione ad un problema di alto impatto sociale. Se consideriamo che, una persona mediamente sorride più di 100 volte in un giorno, riusciamo a quantificare la dimensione del problema.

Ridere inoltre fa bene, limitarne la manifestazione sarebbe come limitare la nostra salute. E’ scientificamente provato che la risata provoca la dilatazione del rivestimento interno dei vasi sanguigni, il tessuto endoteliale, e aumenta il flusso sanguigno. Si teorizza che le beta-endorfine come composti rilasciati dall'ipotalamo attivano i recettori nella superficie endoteliale che rilasciano ossido nitrico, con la conseguente dilatazione dei vasi.

È stato anche dimostrato che la risata ha effetti benefici su vari altri aspetti della biochimica. Ad esempio, la risata porta a riduzioni degli ormoni dello stress, come il cortisolo e l'adrenalina. Quando si ride il cervello rilascia anche quelle endorfine che possono alleviare qualche dolore fisico.  La risata inoltre aumenta il numero di cellule produttrici di anticorpi e migliora l'efficacia delle cellule T, creando un sistema immunitario più forte.

Con questo breve articolo, speriamo di aver fornito ai nostri tantissimi clienti che ci seguono e si affidano a noi, alcune indicazioni utili per comprendere quanto semplice ma allo stesso tempo importante, sia la cura dei denti in estetica.
Ci sono pervenute moltissime richieste di informazioni in merito a questo argomento e legate al trattamento dentale che abbiamo inserito tra i nostri servizi. Così pensiamo che possa essere molto interessante dedicare cinque minuti del Vostro prezioso tempo e guardare il video allegato. All’interno di questo filmato, potrete vedere come si svolge il trattamento e quindi capirne l’efficacia e le potenzialità.

Come sempre grazie e alle prossime domande.